Cose cattive, horror italiano

Pubblicato il da webwriter

Horror underground sulla generazione cresciuta con tablet e social network, perennemente in bilico tra la voglia di prevalere sugli altri e la solitudine dei rapporti virtuali. Una produzione giovane, assolutamente made in Italy, per un film oscuro, cinico e dal forte impatto.

Cose cattive - Evil Things

È un concorso oscuro e bizzarro quello lanciato dal blog Cose Cattive. Mistero sul nome e sul volto di chi lo ha organizzato, così come sul premio in palio. L'unica cosa certa è che i partecipanti dovranno filmare la cosa più cattiva mai fatta. Sarà la giuria composta dal web master e dai lettori del blog a decretare i vincitori.

Se ricevi questo messaggio sei uno dei quattro finalisti del contest “Cose Cattive” 12 novembre 2011. Ore 17. Casa perduta, località Pianche. Una volta imboccato il sentiero sterrato, dopo il quinto tornante sulla destra, prendi la deviazione. Questa pagina si cancellerà automaticamente...

Con questa mail Cristian (il nerd che ha fatto arrestare ingiustamente un bidello creduto pedofilo), Julia (ha deriso sessualmente una compagna davanti al resto della classe), Nick (violento cocainomane che ha picchiato un senzatetto) e Nina (autolesionista che ha ingoiato una tenia) vengono a sapere data e luogo dell'incontro per partecipare alla fase finale.

Cose cattive i protagonisti

Una volta giunti sul posto, uno sperduto paese di montagna abitato da frikkettoni e giovani sbandati, scopriranno di essere gli inconsapevoli imputati di quello che diventerà un processo in diretta web. I quattro ragazzi verranno giudicati per le cose cattive che hanno commesso e la fase a eliminazione si trasformerà in un gioco intriso di sadismo e perversione

Dove la posta in palio sarà ben più di una semplice vittoria. Quello che giuria e carnefici ignorano, ma non tarderanno a scoprire, è il sistema di telecamere che mostrerà tutto in streaming ai sempre più allibiti visitatori di Cose Cattive. Una discesa all'inferno che si compierà tra torture atroci, mistero e deliri religiosi.

Cose cattive e attuali

Mettersi in mostra a ogni costo e spettacolarizzare qualsiasi cosa, anche la violenza. Una intelligente metafora sulle abitudini, spesso discutibili se non addirittura pessime, delle generazioni cresciute sul web e i social network. Quelle per cui notorietà e visibilità sono tutto, non importa quale possano essere le conseguenze.

Diretto da Simone Gandolfo e girato nella provincia di Cuneo, con un budget di € 106.000. A produrre il film sono la coppia di attori (e coppia nella vita) Myriam Catania e Luca Argentero, che appare in un breve cameo, grazie alla loro casa di distribuzione Inside Production. Il film è stato proiettato su tutto il territorio nazionale a partire dal 30 Gennaio e fino alla fine di giugno del 2012. Da settembre 2014 è disponibile in DVD, distribuito da Eagle Pictures, in italiano e inglese. Acquistabile on-line a prezzo speciale su IBS.

La canzone tema del film è Hey Sister, brano originale cantato da Violante Placido e contenuto nell'album Sheepwolf.

Sul canale Youtube di Cose cattive è possibile visionare il film suddiviso in 9 video.

Interpreti e personaggi

Marta Gastini: Nina/Ariel - Jennifer Mischiati: Julia/Pussy 94 - Aaron Omossie: Nick/Power 89 - Nicola Sorrenti: Cristian/I.Q 187 - Jun Ichikawa: Fumiko - Sara Lazzaro: Kymberly

Acquista il DVD

Cose cattive, horror italiano

Con tag Film

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post