Immagine 049

Chi come me utilizza il computer da un po' di anni ha sicuramente usato i floppy disk per salvare i propri dati; un sistema d'archiviazione limitato se paragonato ai metodi attuali, ma che continua ad avere un fascino retrò.
Database, documenti di testo, immagini e qualche files audio. 
Erano queste le tipologie di dati che in un tempo non troppo lontano avevamo necessità di archiviare.
L'informatica è però in continua evoluzione: i personal computer diventano sempre più potenti e internet diventa una realtà. Le connessioni nel giro di pochi anni migliorano consentendo una sempre maggiore velocità. 
Un fattore che inevitabilmente comporta una maggiore quantità di dati fruibili e scaricabili dalla rete.
Per forza di cose i supporti per l'archiviazione dei dati subiscono nel corso di pochi anni una evoluzione sostanziale ed importante.
Un passaggio lento ed inesorabile che porta ai cd-rom, ai dvd ed alle pennette usb.

Allo stato attuale che senso ha un floppy drive?

Probabilmente nessuno tenuto conto che nei PC di ultima generazione questo drive non viene installato. Nonostante ciò c'è chi ancora utilizza, per ricordo o per un legame ai vecchi formati, i floppy disk.
Nonostante l'evidente inutilità di un supporto oramai sorpassato mi ritrovo a parlare di questo prodotto che ho avuto modo di provare perché parte della dotazione del mio vecchio portatile.

Immagine 044Il lettore floppy della Toshiba

è una unità esterna collegabile al PC ed ovviamente ai portatili attraverso la porta USB.

Non necessita di installazione ed è compatibile con tutti i più comuni sistemi operativi, una volta collegato viene immediatamente riconosciuto.
Il funzionamento è quello del classico floppy disk che ben conosciamo.
Il design è semplice e gradevole grazie al colore nero ed alla forma rettangolare.
Unica nota negativa è il cavo corto che rende estremamente difficoltoso il collegamento ad un PC; in questo caso o si lascia penzolare il drive floppy o si deve mettere sotto di esso qualcosa per sollevarlo e portarlo alla stessa altezza della porta usb.
Il collegamento ad un portatile è sicuramente più pratico anche se qualche centimetro di cavo in più avrebbero fatto comodo.
L'uso dei floppy disk è oramai accantonato e privo di utilità e per questo motivo non ha ovviamente senso consigliare questo prodotto.
La mia è più che altro una segnalazione per far sapere che ancora esistono in commercio questo tipo di lettori.
Utile solo per i vecchi smanettoni che hanno da parte dei floppy disk e vogliono salvarli su altri supporti. In questo caso l'unità floppy della Toshiba può essere un valido strumento.


Scheda tecnica riassuntiva
Tipo di dispositivo Unità disco floppy 
Tipo rivestimento Esterno 
Interfaccia USB 
Dimensioni (LxPxH) 10.3 cm x 14 cm x 1.8 cm 
Peso 263 g 
Capacità unità di memorizzazione rimovibile 1.44 MB 
Tipo supporti Floppy Disk - 3.5" 
Velocità di trasferimento 62.5 KBps (interna)

Torna alla home