http://4.bp.blogspot.com/_dZsFDL89NWU/SJa5o1KM1nI/AAAAAAAAA1M/PK2xPlk93_A/s320/Strange%2Bdays.jpg31 dicembre 1999
L'alba del nuovo millennio segna un'impennata della violenza che da tempo dilaga nelle grandi città ed in particolar modo a Los Angeles, metropoli segnata da rivolte e contrasti. Una corruzione dilagante è affiancata da attività illecite come la vendita di clip video che contengono frammenti di vita registrati tramite sofisticate tecniche digitali. 
L'acquirente ha così la possibilità di rivivere attraverso dei decodificatori collegati direttamente al cervello le esperienze di persone sconosciute. Queste sofisticate apparecchiature dette Squid sono oramai simili ad una droga ed i cd contenenti le esperienze extrasensoriali sono smerciate per vie clandestine ed illegali.
In questo scenario si muove Lenny Nero , ex poliziotto e da tempo spacciatore di questi sogni rubati capaci di insinuarsi negli oscuri meandri della mente facendo leva sui tipici vizi della natura umana come sesso e violenza. Da qui il successo di questa nuova e potente droga mentale che permette l'uso (e abuso) delle altrui esperienze, ancora più interessanti se deviate e malate. La morte di Iris, una giovane prostituta sua amica, che occasionalmente collaborava con lui per la realizzazione di clip video finisce per essere uno squid o forse meglio dire uno snuff movie; il video recapitatogli da uno sconosciuto che vuol restare anonimo darà il via alla scoperta di ulteriori decessi tutti volti a coprire l'omicidio di Jeriko One noto cantante rap di colore ucciso da due agenti bianchi.
Il tentativo di indagare sulla morte di Iris finirà quindi per aprire il vaso di pandora, mettendolo a conoscenza di una serie di misfatti che inevitabilmente finiranno per far finire nei guai Lenny.
Paranoia e sospetto lo circondano così come l'ossessione per Faith, la sua ex, portandolo ad una continua visione degli squid realizzati con lei. Lenny ora può fidarsi di due sole persone: Lornette Mace Mason, amica di vecchia data ed esperta di sicurezza ed arti marziali vista la sua esperienza come guardaspalle e Max Peltier, anche lui ex poliziotto, che sopravvive grazie ad una pensione d'invalidità e ad una grossa dose di cinismo che lo rendono uno spietato burattinaio. L'indagine per scoprire il colpevole della morte di Iris, così come il dubbio sulla necessità di rendere pubblico l'omicidio di Jeriko One lo porteranno in un esasperato giro di corruzione, sospetto e doppiogiochismo.

http://www.filmcritic.com/features/assets_c/2010/04/Strange_Days_560x330_MSDSTDA_EC010_H-thumb-560xauto-28853.jpg

Realizzato nel 1995 prova a raccontare lo scenario che segnerà la notte del 31 porterà il mondo in un nuovo millennio tra paure per catastrofi informatiche annunciate e mai avvenute, tra contrasti sociali sempre più acuti.
Un mondo inquietante in cui la tensione è palpabile e si vive in ogni fotogramma qui sapientemente raccontato da Katy Bigelow sempre avvezza all'uso delle riprese incalzanti e dalla notevole potenza visiva. 
Così come per i suoi precedenti lavori (Point Break per citarne uno) il continuo uso dei piani sequenza riesce a creare la giusta atmosfera a metà tra l'apocalittico e il delirio psicotropo. Un mondo nichilista carico di pessimismo che attraverso personaggi inquietanti e dalla moralità inesistente racconta quello che potrebbe essere il nostro prossimo futuro.
L'azione e la suspense sono sempre vive e presenti per tutta la durata del film che pur non presentando colpi di scena particolari riesce a non perdere mai di mordente.

Strange Days infatti si pone a metà strada tra il thriller e la fantascienza in un amalgama anomalo, ma ben riuscito tra i due generi. Una storia raccontata senza l'ausilio di particolari effetti speciali che riesce ad essere visionaria grazie agli scenari tecnologici, le nuove droghe ed i sistemi informatici all'avanguardia che cozzano in modo evidente con quel 2000 che si avvicina e che sembra dover cambiare il nostro modo di vivere ed il mondo intero. Un'ottica futurista anticipata di anni che nel film sembra essere perfettamente attuale evidenzia i contrasti sociali di un mondo antico. Indubbiamente gran parte del merito va anche al cast che vanta nomi di tutto rispetto a cominciare dal protagonista, quel Ralph Finnies che ricordiamo in grandi film come Schindler's List e Il paziente inglese. La parte sembra calzargli a pennello grazie alla sua notevole espressività e l'aria di chi è perennemente afflitto da conflitti interiori. A fargli da degna spalla è Angela Bassett ottima attrice ed in questo caso grande protagonista grazie alla sua possente fisicità che ben si adatta al ruolo di esperta di arti marziali dalla comprovata abilità nell'uso delle armi da fuoco e nella guida spericolata.

Quello che mi ha colpito di più è però Tom Sizemore, nella parte di Max Peltier il miglior amico di Lenny. Cinico e viscido fino al midollo tanto da essere il perfetto paraculo doppiogiochista, quelli che fino all'ultimo non sai da che parte stanno realmente. Eterea, malata (nel senso di essere totalmente fuori dalla grazia di dio per gli abusi) e con quel non so che di vagamente psicotico è tanto per cambiare Juliette Lewis, in un ruolo a lei consono e sfruttato in tanti altri film. Quella bellezza delicata ed allo stesso tempo perversa che la rendono particolarmente attraente. In più sa recitare e con questo film ci porta a conoscenza che sa anche cantare.
Da segnalare anche la presenza di Vincent D'onofrio, il Palla di Lardo in Full metal Jacket e qui ad interpretare uno dei due poliziotti colpevoli dell'omicidio del rapper nero (interpretato da Glenn Plummer). Ottimo nel ricoprire il ruolo dello sbirro corrotto e soprattutto psicopatico.
Per concludere non posso che consigliare questo film atipico e visionario, reso spettacolare dall'ottima regia e dalla recitazione intensa dei suoi protagonisti. Un film che forse ha riscosso meno di quanto meritava, ma che indubbiamente merita di essere visto.

CURIOSITA'

• Il titolo del film deriva dall'omonima canzone dei Doors e forse per questo motivo contiene molti riferimenti alla musica; in una delle scene del film il brano Strange Days è cantata dai Prong accompagnati dall'ex tastierista dei Doors Ray Manzarek.
Sono presenti inoltre alcune scene di concerti: quelle interpretate da Juliette Lewis sono realmente esibizioni dal vivo e le due canzoni che canta sono state scritte da PJ Harvey.
Durante le scene dei festeggiamenti per il nuovo anno (e millennio) che sta per arrivare si vede l'esibizione su un palco di Skin degli Skunk Anansie che canta Selling Jesus se pur parzialmente coperta dai rumori e dal casino fatto dalla gente che festeggia.
• La prostituta che assiste all'omicidio di Jeriko One registrandolo attraverso il sofisticato Squid, si chiama Iris ed è un chiaro riferimento al personaggio interpretato da Jodie Foster in Taxi Driver di Scorsese.
• Lenny Nero ha ispirato Boselli e Colombo nella realizzazione di Harlan Draka, il personaggio principale del fumetto Dampyr.
• L'idea della registrazioni delle esperienze di vita della gente è stata già utilizzata molti anni fa da primo Levi nel racconto “Trattamento di quiescenza"del 1966; successivamente ripreso anche da Robert Silverberg in Quellen, guarda il passato (1967) anche se in questo caso le esperienze registrate erano indotte dall'uso di droghe.
• Nel 1995 è stato pubblicato un fumetto della Marvel su Strange Days.

Torna alla home