Heavy Metal (DVD)

Pubblicato il da webwriter

http://www.dio.net/pictures_cd/heavy_metal_front_big.jpg Un astronauta di ritorno sulla terra dopo una missione spaziale porta con se una strana sfera verde che, una volta rientrato a casa, lo ucciderà disintegrandolo proprio sotto gli occhi della sua figlioletta. 
Cosa si nasconde dentro questa sfera?
Loc-Nar è questo il nome dell'entità malefica senza tempo e dimensione che di fronte ad una bambina atterrita racconterà le sue malvagie gesta compiute ovunque nel passato, presente e futuro. La narrazione si sviluppa attraverso sei episodi differenti tra loro per ambientazione ed epoca, ma tutti accomunati dagli splendidi disegni di questo film d'animazione che prende il nome da una nota rivista di fumetti statunitense degli anni '70. 
Heavy Metal infatti è una storica testata nata nel 1977 come versione americana della francese Metal Hurlant; i primi albi, patinati e a colori, pubblicati negli States riproponevano i lavori di artisti del calibro di Moebius, Milo Manara, Enki Bilal.
Nel 1981 nasce l'idea della trasposizione cinematografica di alcune delle serie a fumetti; i sei episodi furono realizzati da sei diverse case d'animazione e una settimana si occupò di realizzare il filo narrativo che le legava tra loro. Per questo motivo la produzione dell'opera durò ben tre anni, subendo anche ulteriori ritardi a causa di problematiche legate ai diritti musicali visto che la colonna sonora è composta da canzoni di notissime rock band dell'epoca.
Come per la rivista anche il lungometraggio fa ampio uso di nudità e violenza, ma in maniera meno esplicita ed esagerata.

GLI EPISODI 

Harry Canyon Il racconto inizia con le disavventure di un tassista americano in una New York del futuro; alle prese con il traffico sempre più caotico e con clienti di tutti i tipi finirà per imbattersi in una donna misteriosa. Dopo averla salvata suo malgrado si troverà invischiato in una pericolosa avventura.
Den è la storia di uno studente un po' sfigato, il classico nerd dalla notevole intelligenza e dallo scarso sex-appeal che improvvisamente diventerà un colosso tutto muscoli. Con questa nuova veste da eroe superdotato finirà catapultato in un mondo ai confini della realtà dove tra salvataggi di giovani e poco vestite pulzelle e combattimenti con i cattivi di turno finirà per avere le tante sognate avventure erotiche.
Captain Sternn è il racconto del processo ad un criminale incallito e senza scrupoli, per questo con poche speranze di cavarsela. Ambientato in un futuro lontano l'imputato conta sulla falsa testimonianza di un prezzolato ometto, Hanover Fiste, che improvvisamente ed apparentemente senza alcun motivo cambierà le sorti del processo con un rocambolesco fuori programma.
B17 L'episodio più noir e vicino alla vecchia tradizione horror cinematografico racconta la tragica fine dell'equipaggio di un bombardiere americano impegnato in una azione da guerra. Il tutto tra crude scene di battaglia, morti e spaventosi zombie.
So Beautiful vira di rotta in modo repentino raccontando la storia di una sexy e provocante segretaria rapita dagli alieni. Il classico UFO, ma con un atipico equipaggio composto da due debosciati dediti allo sniffare la pluto-droga mentre la segretaria finirà per accoppiarsi sessualmente con un spassoso robot. Carico di umorismo anche un po' spinto cambia notevolmente l'atmosfera del film, regalando qualche risata.
Taarna è l'atto finale ed è la storia di una bellissima eroina tornata da un mondo lontano per combattere il Loc-nar. Il cerchio finalmente si chiude ricongiungendosi all'introduzione iniziale; il tutto avviene in una ambientazione splendida e finemente disegnata che fa da cornice all'atto conclusivo che vedrà inesorabilmente vincere le forze del bene.

Sei episodi diversi tra loro e legati non solo dal racconto del Loc-nar, ma anche da una pressante suggestione futuristica ed un continuo passare dal surreale alla follia narrativa. Il tutto è arricchito da sesso e violenza raccontati in modo quasi discreto e mai troppo esplicito, ma comunque sempre presente per rafforzare i racconti e renderli indubbiamente adatti ad un pubblico adulto.
Altro punto di forza sono senza ombra di dubbio i disegni. Il film è del 1981 per cui niente computer grafica, ma solo tanta e tanta creatività. Colori vivi che colpiscono come dardi di fuoco, scenari suggestivi e racconti visionari creano una miscela particolare ed intrigante. Pur risentendo di qualche calo di tono, tipico di qualsiasi racconto ad episodi, il film riesce a tener sempre alto l'interesse dello spettatore grazie ad un insieme di frammenti che compongono questo atipico racconto di fantascienza.
Decisamente consigliato agli amanti del genere, agli appassionati d'animazione e a chi ha voglia di vedere qualcosa di diverso dal solito.

http://ecx.images-amazon.com/images/I/515xekZ6ovL._SL500_AA300_.jpg

CURIOSITA' 

Il tranquillo tassista Harry Canyon ha ispirato il personaggio interpretato da Bruce Willis nel film "Il quinto elemento" diretto da Luc Besson.
L'evoluzione di Hanover Fiste all'interno dell'episodio del processo, è una chiara citazione di Hulk.
L'amazzone Taarna in groppa ad uno pterodattilo si rifà ad Arzack, il personaggio creato da Moebius.
L'episodio della segretaria rapita dagli alieni è farcita di citazioni tipicamente americane, che vanno dall'apparizione dell'Enterprise di Star Trek ad un McDonalds presente in una stazione spaziale.
B-17 fu scritto negli anni settanta da Dan O'Bannon sviluppandolo qualche anno dopo nella sceneggiatura del film Alien. Le scene più cruente hanno come sottofondo un motivo per archi, chiara citazione di Psyco di Hitchcock
Il Italia il film fu snobbato dalla grande distribuzione che lo ritirò, nel 1982, dopo solo due settimane di proiezione. Il successo di pubblico fu però notevole tanto da farlo ritornare, a grande richiesta, in un cinema romano per poi finire nel circuito d'essai. Uscì in videocassetta una decina di anni dopo.

COLONNA SONORA

Il tema del film è scritto e diretto da Elmer Bernstein; la colonna sonora vede la presenza di nomi importanti del panorama rock/hard rock fine anni 70 come Cheap Trick, Journey, Blue Oyster Cult, Trust, Sammy Hagar (vocalist dei Van Halen) e Black Sabbath.
Ottimi brani scelti con cura per sottolineare con forza e vigore lo svolgersi della storia ed il susseguirsi delle scene.

HEAVY METAL

Genere: Animazione, Fantascienza
Regia: Gerald Potterton
Sceneggiatura: Dan Goldeberg, Len Blum
Anno: 1981
Nazione: Canada
Durata: 111 minuti

DVD 

Lingua: Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco
Sottotitoli: italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco, Olandese, Arabo, Danese, Finlandese, Polacco, Svedese.
Formato Audio: Dolby Digital Surround.
Contenuti extra: Menù interattivo; Premontaggio della versione originale; Bozzetti; Scene eliminate; Galleria Fotografica; Copertine della rivista Heavy Metal.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post