ds_illustration_sync_440x420.png Google Drive è arrivato e 5 GB sono gratis.

Google ha finalmente reso disponibile il servizio di archiviazione e condivisione di file, riedizione del vecchio Google Documenti. Per attivare il servzio bisogna ovviamente possedere un account su Google, per esempio Gmail, e registrasi all'indirizzo http://drive.google.com/start 
Una volta inviata la richiesta non resta che attendere lo scorrimento della lista d’attesa.
Lo spazio a disposizione  è di 5Gb per la versione gratuita, ma è possibile effettuare un upgrade con costi che partono da 2,49 dollari mensili per 25GB fino a 800 dollai al mese per uno capienza di storage pari a 16TB. Acquistando uno spazio a pagamento si avrà anche un aumento del limite di archivizione in Gmail (attualmente fissato a 10GB per gli account gratuiti) e Picasa.

http://www.ilpost.it/files/2012/04/goodrive.pngCosa si può fare con Google Drive?
Il sistema nasce per dare la possibilità di creare ed archiviare file di qualsiasi tipo (pdf, video, immagini, documenti di testo, fogli di calcolo e quant'altro). E' possibile aggiornarli in tempo reale, direttamente online, ed allo stesso condividerli con altre persone che se provviste delle specifiche autorizzazione potranno anche loro contribuire all'arricchimento e la modifica dei documenti.
Materiale che può anche venir condiviso con altri utenti, tramite un link 

Disponibile in versione per browser e compatibile con computer e Mac, ma anche in versione per smartphone e tablet con sistema operativo Android. Google ha annunciato, a breve,  una app studiata apposta per iOS, il sistema operativo degli iPhone e degli iPad.

La sincronizzazione dei documenti è il punto debole di questo servizio, perché è possibile farla utilizzando solo una specifica cartella (da indicare durante la fase di setup), caratteristica questa comune anche ad alcuni servizi "concorrenti" tipo il ben noto Dropbox. Un vero peccato questo perché a lungo andare si corre il rischio di dover duplicare molti file, con conseguenza perdita di spazio su disco (oltre ad essere anche una perdita di tempo).

Di contro va sottolineata la funzione di ricerca, estremamente potente ed efficace. Il motore interno di Google Drive è dotatao di una opzione OCR in grado di riconosce automaticamente il testo all'interno dei documenti. Sarà quindi possibile ritrovare un ritaglio di giornale scansionato e caricato online. Molti file, come documenti Pdf o video, possono essere visualizzati all’interno del browser, senza doverli scaricare su Pc. Un altro servizio, per ora in fase sperimentale, consente di riconoscere automaticamente il contenuto delle fotografie caricate online., attraverso un confronto con i propri database alla ricerca di elementi comuni. In questo modo sarà possibile caricare le nostre foto di un viaggio a Londra e ritrovarle cercando come parola chiave “Londra” anche se saranno prive di descrizione.

http://www.ilpost.it/files/2012/04/ricerca.png

Perché scegliere Google Drive?
Come abbiamo visto questo servizio non inventa e aggiunge niente di nuovo, oltre ad avere una pecca a mio avviso di non poco conto per quel che riguarda la sincronizzazione dei documenti. Tra l'altro esistono altri servizi di storage online come Sugarsync che consentono di spcificare più cartelle da sincronizzare, in fase di setup.
Allora perché scegliere Google Drive? Il motivo è molto semplice. Un account Google lo abbiamo quasi tutti, vuoi per la casella di posta elettronica che per i servizi per webmaster da utilizzare se si ha un sito o un blog.
In questo modo è possibile quindi avere un ulteriore utile possibilità sfruttutando un unico account.

 

Torna alla home